La valutazione del rischio da sollevamento - Parte 1 - Valutazione preliminare

La ISO TR 12295 ha introdotto la valutazione per fasi per permettere una valutazione più o meno dettagliata in base alle condizioni.

La prima fase è composta dalla domanda chiave che, nel caso del sollevamento è se sono presenti o meno operazioni che richiedano il sollevamento di carichi di peso pari a 3 kg o superiore. La risposta negativa, determina la non applicabilità del rischio e la valutazione si arresta a questo punto.

In caso positivo, si passa alla valutazione rapida andando ad analizzare i punti 3.2.1 e 3.2.2.

Come effettuare la valutazione rapida

Per effettuare una valutazione rapida, è opportuno verificare, prima di tutto che non siano presenti le c.d. condizioni critiche che, in questo caso specifico, sono:

CONDIZIONE CRITICA: schema e frequenza dei compiti di sollevamento e trasporto superiori ai massimali suggeriti

  • POSIZIONE VERTICALE: >175 cm o <0
  • SPOSTAMENTO VERTICALE: maggiore di 175 cm
  • DISTANZA ORIZZONTALE: maggiore della lunghezza del braccio
  • DISTANZA ASIMETTRIA: rotazione estrema del corpo senza muovere i piedi
  • FREQUENZA: più di 15 sollevamenti di breve durata al minuto (max. 60 min consecutivi/turno e almeno 60 min di compiti leggeri)
  • FREQUENZA: più di 12 sollevamenti di media durata al minuto (max. 120 min consecutivi/turno e almeno 30 min di compiti leggeri)
  • FREQUENZA: più di 8 sollevamenti di lunga durata al minuto (maggiore di 120 min consecutivi/turno)

CONDIZIONE CRITICA: presenza di carichi che superano i seguenti limiti

  • Uomini adulti (18-45 anni) > 25 kg
  • Donne adulte (18 - 45 anni) > 20 kg
  • Uomini giovani e anziani (<18 - >45 anni) > 20 kg
  • Donne giovani e anziane (<18 - >45 anni) > 15 kg

CONDIZIONE CRITICA: presenza di una massa complessiva trasportata maggiore di quelle indicate

  • Distanza: 20 m o più in 8 ore/ad azione. Peso > 6 ton/8 ore
  • Distanza: meno di 20 m in 8 ore/ad azione. Peso > 10 ton/8 ore

Nel caso in cui fosse presente anche una sola di queste condizioni, il rischio è da valutarsi in fascia rossa come "non accettabile". Pertanto, prima di poter proseguire con la valutazione di dettaglio, è necessario eliminare le condizioni critiche. Questo sistema, oltre a permettere un notevole risparmio di tempo, garantisce di dare adeguata evidenza di quali siano quegli elementi che rendono l'attività non accettabile e poterci mettere mano direttamente. Anche nei confronti del destinatario della valutazione, questo elemento permette una trasmissione più semplice, quindi più efficace, rispetto a calcoli complessi.

Verificata l'assenza di condizioni critiche, si provvede alla verifica delle c.d. condizioni di accettabilità. La presenza di tutte le condizioni di accettabilità, in assenza di condizioni critiche, permette di addivenire immediatamente ad una valutazione del rischio di livello accettabile, zona verde.

Di seguito, le condizioni di accettabilità previste dalla ISO TR 12295.

Sollevamento - Valutazione rapida delle condizioni accettabili

Da 3 a 5 kg
  • Niente asimmetria
  • Il carico viene tenuto vicino al corpo
  • Lo spostamento verticale del carico avviene tra le anche e le spalle
  • Frequenza massima: meno di 5 sollevamento al minuto
Da 5,1 a 10 kg
  • Niente asimmetria
  • Il carico viene tenuto vicino al corpo
  • Lo spostamento verticale del carico avviene tra le anche e le spalle
  • Frequenza massima: meno di 1 sollevamento al minuto
Oltre i 10 kg
  • Non sono presenti carichi da più di 10 kg

Trasporto - Valutazione rapida delle condizioni accettabili

Distanza di trasporto inferiore a 10 metri
  • Durata 8 ore - max 10 ton
  • Durata 1 ora - max 1,5 ton
  • Durata 1 minuto - max 30 kg
Distanza di trasporto superiore a 10 metri
  • Durata 8 ore - max 6 ton
  • Durata 1 ora - max 750 kg
  • Durata 1 minuto - max 15 kg

A differenza delle altre tipologie di rischio previste dalla ISO TR 12295, nel caso del sollevamento e trasporto, sono previste anche i c.d. fattori aggiuntivi. In questo caso, al contrario delle condizioni di accettabilità, l'assenza di tutti i fattori riportati, permette di ritenere che il rischio sia verde, quindi accettabile.

I fattori complementari sono:

L'ambiente di lavoro è sfavorevole a sollevamento e trasporto manuale?
  • Presenza di temperatura estrema (bassa o alta)
  • Presenza di superfici scivolose, instabili o dislivelli
  • Presenza di spazio insufficiente al sollevamento o trasporto

Gli oggetti presentano caratteristiche sfavorevoli al sollevamento o trasporto manuale?

  • La dimensione dell'oggetto riduce la visuale dell'operatore e ne ostacola i movimenti
  • Il baricentro del carico non è stabile (liquidi, pezzi mobili all'interno di altri oggetti)
  • La forma/configurazione dell'oggetto presenta spigoli appuntiti, o sporgenze
  • Le superfici di contatto sono troppo calde o troppo fredde

I compiti che prevedono sollevamento o trasporto manuale durano più di 8 ore al giorno?

La durata dei compiti di sollevamento e trasportano durano più di 8 ore al giorno.

Conclusioni

  1. risparmio di tempo legato ad una valutazione rapida senza bisogno di calcoli complessi;
  2. permette di dare una valutazione oggettiva a molte situazioni dove l'uso delle metodologie previste è, quantomeno, complesso;
  3. permette di dare evidenza di condizioni ottimali o critiche che rendono l'attività più o meno pericolosa.

Articoli correlati





Prova AimSafe

Cerchi uno strumento per gestire gli adempimenti relativi alla sicurezza sul lavoro?

Iscriviti ad AimSafe ed entra a far parte della nostra Community!